Ricerca Scientifica multidisciplinare sui Linfomi

Dettagli iniziativa Ricerca Scientifica multidisciplinare sui Linfomi

La FIL ONLUS in pochi anni ha condotto o collaborato alla gestione di circa 50 studi clinici per la cura dei linfomi. Gli studi clinici consistono nella sperimentazione scientifica di nuove forme di trattamento e sulla raccolta di dati epidemiologici su un ampio numero di pazienti. L'obiettivo di ogni sperimentazione è individuare terapie sempre più efficaci e/o meno tossiche per la cura di una determinata malattia al fine di migliorare la qualità  dei trattamenti attraverso il trasferimento nella pratica clinica delle conoscenze acquisite grazie alle sperimentazioni stesse. I pazienti, dopo aver ricevuto approfondite informazioni presso il centro ospedaliero di riferimento, hanno la possibilità di esprimere liberamente il loro consenso per la partecipazione allo studio.

Fai un gesto semplice dona adesso

  • 20€
  • 30€
  • 50€

Guarda le altre iniziative

Ricerca per la cura di pazienti affetti da linfoma

La Fondazione si occupa della ricerca per la cura dei linfomi e delle malattie linfoproliferative . La ricerca si svolge attraverso il lavoro di commissioni scientifiche suddiviseper patologieo per procedure di diagnosi /terapia per redigere protocolli clinici (progetti di ricerca clinica) da attivare negli ospedali italiani o a livello internazionale per migliorare la pratica clinica e la cura di queste malattie. Le commissioni attive sono le seguenti: Linfomi di Hodgkin Linfomi Aggressivi Linfomi Indolenti (Follicolari e non follicolari) Linfomi T Linfomi Anziani Linfomi Cutanei Lungosopravviventi e multi morbidità Studi Biologici Anatomo Patologi Imaging e radioimmunoterapia Radioterapia

Scopri di più

Progetto di Ricerca sul Linfoma di Hodgkin sfavorevole

Il linfoma di Hodgkin (LH) colpisce circa 3 nuovi casi ogni 100.000 abitanti all'anno e può presentarsi in tutte le età, ma più comunemente nei giovani tra i 15 e 35 anni o in adulti di oltre 50 anni. Questo tipo di linfoma si caratterizza per la presenza di cellule chiamate di Reed-Sternberg. Non tutti i Linfomi di Hodgkin sono uguali in quanto si differenziano per l'aspetto miscroscopico delle cellule di Reed-Stenberg, per la composizione cellulare del microambiente che le circonda e per la presenza di diverse proteine alla superficie delle cellule neoplastiche. Da giugno la FIL sostiene il protocollo sul LH con caratteristiche sfavorevoli. La terapia più utilizzata attualmente consiste in 4 cicli di chemioterapia seguiti da un trattamento radioterapico di 30 Gy (1). Questo progetto è volto a introdurre una terapia innovativa per la cura di questa malattia attraverso un confronto randomizzato tra il trattamento radioterapico comune di 30 Gy e uno sperimentale di 20 Gy nei pazienti con PET negativa al termine della chemioterapia. (1) Gy: Gray, unità di misura della dose assorbita di radiazione

Scopri di più

Galleria fotografica