ilMioDono

Unità Mobile di strada per i clochard

Dettagli iniziativa Unità Mobile di strada per i clochard

L'attività di volontariato "sulla strada" è quella che permette di accostare le situazioni di disagio sociale più 'pesanti', espressioni di emarginazioni disperate. Sulla strada si trovano persone affette da svariati problemi ma soprattutto persone fragili che il fallimento lavorativo o familiare ha segnato e che non riescono a rientrare nel ciclo di vita normale. Il progetto offre aiuto a chi si trova in situazione di necessità fornendo assistenza medica, cibo e vestiario, informazioni per risolvere problemi immediati (sistemazione notturna, ricovero ecc.); assistenza successiva, soprattutto molto 'ascolto'. La Fondazione effettua quattro uscite notturne settimanali incontrando circa 140 persone alla settimana, grazie all'azione dei volontari e del personale specializzato.

Fai un gesto semplice dona adesso

  • 10€
  • 25€
  • 40€

Guarda le altre iniziative di

Una casa e un lavoro per chi ha perso tutto

Il progetto è rivolto a uomini e donne adulti senza dimora che vivono situazioni di disagio estremo. Le prime persone a cedere sono le più fragili, non necessariamente le meno valide, e il passo finale che porta a situazioni di 'non ritorno' è la perdita della casa. Finalità del progetto è il reinserimento nella vita sociale e . lavorativa di persone senza dimora. Fasi del progetto: le persone con possibilità di recupero vengono identificate, ospitate in appartamenti acquistati dalla Fondazione che provvede inoltre alle spese condominiali, di vitto e utenze. I destinatari del progetto verranno seguiti da assistenti sociali e psicologi fino al reinserimento nella vita sociale e lavorativa. La Fondazione attuerà corsi di formazione e istituirà "Borse lavoro" per un percorso di praticantato.

Scopri di più

Unità Medica di strada per i senza fissa dimora

Alla domenica sera, in P.za Affari a Milano, il nostro Camper si trasforma in 'ambulatorio', con la presenza di un medico volontario, per offrire visite mediche, di prima assistenza, alle persone senza fissa dimora, di varie nazioni ed etnie, regolari o non, persone anziane (italiani soprattutto), distribuendo gratuitamente medicine 'da banco' acquistate da FIS. Le persone senza fissa dimora non possono avere un medico 'di base' o 'di famiglia' in quanto privi di 'residenza'. Dall'inizio dell'attività a fine luglio 2015 sono state 'visitate' 2.400 persone.

Scopri di più