ilMioDono

Pane per Betlemme

Dettagli iniziativa Pane per Betlemme

Cosa desideriamo?
Con questa iniziativa vogliamo sostenere bambini e famiglie vulnerabili della città di Betlemme, in Palestina. Lo vogliamo fare attraverso il sostegno ad una realtà speciale: il forno Salesiano di Betlemme che lavora senza sosta da 130 anni per produrre pane ad un prezzo accessibile per tutti e per distribuirlo gratuitamente ogni giorno a circa 100 famiglie e 60 bambini orfani e disabili. Con il vostro sostegno vogliamo più che raddoppiare la produzione di pane da distribuire gratuitamente, portandola da 400 a 850 pagnotte beneficiando ancora più famiglie vulnerabili e 5 associazione che si occupano di bambini con disabilità.

Per chi?
Famiglie vulnerabili e bambini con disabilità

Dove e perché?
Siamo in Palestina, un paese martoriato da decenni di conflitto interno e di occupazione da parte dell'esercito israeliano. Questa situazione colpisce gravemente tutto il popolo palestinese sotto ogni aspetto, sociale, psicologico, economico...

La Palestina è stato il primo Paese della regione mediorientale a essere testimone di una rapida diffusione del COVID-19 e del conseguente lockdown. L'isolamento sta mostrando le sue conseguenze sulla popolazione palestinese, con un aumento della percentuale di famiglie povere al 30% in Cisgiordania e al 64% a Gaza.

In particolare la città di Betlemme, che basa la sua economia principalmente sul turismo e l'ospitalità, è stata e continuerà ad essere colpita dalla battuta d'arresto globale dei viaggi. La chiusura degli aeroporti di quasi tutti i Paesi, l'annullamento di tour e pellegrinaggi e la conseguente chiusura totale delle strutture ricettive, della ristorazione, dei centri di produzione e della vendita di souvenir ha causato il venir meno della principale fonte di reddito per gran parte della popolazione già altamente vulnerabile.

Fai un gesto semplice dona adesso

  • 10€
  • 25€
  • 100€

Guarda le altre iniziative di

Doniamo alle nuove generazioni in Palestina un futuro migliore!

Con questa iniziativa vogliamo sostenere, insieme ai Salesiani di Don Bosco, bambini, adolescenti e giovani affetti da stress post-traumatico in Palestina con percorsi di recupero, riabilitazione e reinserimento sociale, scolastico e lavorativo. Si tratta di casi molto diffusi, legati al contesto sociopolitico locale, gravato da 70 anni di conflitto con Israele e da 50 anni di occupazione militare. Con il vostro click su Il Mio Dono state garantendo a questi ragazzi risorse per il loro sostegno psico-terapeutico, attività didattiche e ludico-ricreative e borse di studio per la frequentazione di corsi di formazione professionale in energie rinnovabili, meccanica, elettronica, meccatronica, falegnameria, lavorazione del legno d'ulivo, della madreperla e della ceramica.

Scopri di più

Perù: una stufa ecologica per il Popolo Achuar

Vorremmo acquistare 40 stufe ecologiche e 10 spolpatrici per estrazioni a freddo dell'olio di ungurahui da donare alle comunità indigene del Popolo Achuar nella foresta amazzonica . Conciliare metodi tradizionali di produzione e mercato è la nostra sfida in Perù e vorremmo vincerla insieme a te!L'olio di ungurahui ha elevate proprietà antiossidanti (le donne indigene lo usano per la cura dei capelli) e potrebbe avere un ottimo impiego nell'industria cosmetica. Per migliorare la sua produzione abbiamo inventato una stufa ecologica che concentra il calore e usa un sistema di combustione che non produce fumo. Con il miglioramento della produzione 100 famiglie , ora escluse dal mercato tradizionale, potrebbero commercializzare i propri prodotti ed ottenere una entrata dal proprio lavoro.

Scopri di più

Formazione tecnico-professionale e attività generatrici di reddito per ragazze e donne nella regione di Gambella, Etiopia

L'iniziativa proposta ha l'obiettivo di favorire la formazione tecnica e l'avvio di attività generatrici di reddito a favore di 240 ragazze e donne tra 16 e 45 anni nella località di Karmi, regione di Gambella, Etiopia. Nello specifico organizzeremo 12 corsi di formazione in tecniche agricole/di allevamento e imprenditoria in cui le 240 ragazze e donne beneficiarie acquisiranno una competenza teorica e pratica sui contenuti dell’offerta formativa e attiveranno conoscenze per l’ideazione di nuove attività imprenditoriali: alla fine del percorso di formazione ciascuna beneficiaria riceverà un kit (risorse economiche e materiali) funzionale all'avvio dell'attività economica ideata. Con questa iniziativa intendiamo contribuire a contrastare i fattori di criticità rilevati nella zona di intervento: alti livelli di povertà, scarsa preparazione professionale, difficoltà di accesso al mercato locale e ad attività generatrici di reddito. Per realizzare quanto descritto saranno necessarie risorse per l'acquisto di materiale e attrezzature funzionali allo svolgimento dei corsi, per il compenso dei formatori (agronomi, veterinari, zootecnici, esperti in imprenditoria e microfinanza) e per l'erogazione dei kit di avvio delle attività generatrici di reddito, oltre che per sostenere tutti i costi di funzionamento connessi e di personale coinvolto nella pianificazione e nel monitoraggio delle attività progettuali. L'iniziativa si inserisce in un programma più ampio, co-finanziato dall’Agenzia Italiana Cooperazione allo Sviluppo e realizzato in collaborazione con la Onlus Amref, che prevede l'impegno del VIS, oltre che per le attività sopra descritte, anche per lo svolgimento delle seguenti azioni: Costruzione presso Karmi di un centro di agricoltura estensiva con un centro di ricovero per animali; Sviluppo e realizzazione di percorsi formativi tecnici di apprendimento per giovani al di fuori del ciclo formale scolastico; Creazione di club scolastici per la diffusione di buone pratiche e apprendimento peer to peer; Sensibilizzazioni comunitarie e all’interno delle scuole sulla reciproca conoscenza etnico-culturale allo scopo di prevenire tensioni inter-etniche. Ad oggi stiamo terminando la costruzione del centro di Karmi in cui verranno realizzate le attività di formazione e di avvio di attività generatrici di reddito rivolte alle 240 ragazze e donne. Oltre che a Karmi il programma sarà condotto anche nella città di Gambella, capoluogo dell'omonima regione, e favorirà lo sviluppo di competenze tecnico-professionali nei settori di carpenteria e falegnameria e l’integrazione sociale, soprattutto di bambini e adolescenti.

Scopri di più

Galleria fotografica